Nell’articolo Qual è la migliore carta di pagamento per i viaggi all’estero? abbiamo visto che la soluzione più sicura in viaggio è la carta di credito.

Scopriamo qual è la migliore carta di credito da viaggio e di quali caratteristiche dovrebbe disporre per accompagnarci nelle nostre trasferte.

Quali sono i vantaggi delle carte di credito in viaggio?

Sono diversi gli aspetti positivi che dovrebbero far preferire una carta di credito ai comuni bancomat o alle carte prepagate. All’estero, le carte legate al conto bancario (carte di debito o bancomat) e le cosiddette ricaricabili potrebbero dare più di un problema.

Se si viaggia fuori Europa, per esempio, c’è da aspettarsi che il bancomat non funzioni né per i pagamenti né per i prelievi, mentre l’uso della carta di credito è assicurato da circuiti riconosciuti a livello globale.

Con le carte di credito possiamo noleggiare auto, ma la stessa cosa non può essere fatta con altri tipi di carta. E non finisce qui.

Se prenotiamo un hotel, al check-in verrà chiesta una credit card come garanzia. L’albergo registrerà i dati e addebiterà la carta in caso di richiesta di servizi aggiuntivi oppure di eventuali danni: è una pratica comune che serve a garantire gli albergatori. Negli USA, in Giappone e in Cina, per fare un esempio, non potremo mai fare check-in in hotel senza questa carta.

Se dovesse capitare un inconveniente o un’emergenza per cui si necessiti più denaro di quanto non se ne abbia sul conto in quel momento, la carta di credito è pronta a pagare per noi. Tutti i pagamenti vengono addebitati il mese successivo: basterà assicurarsi che ci siano abbastanza fondi sul conto nella data prevista per l’addebito.

Infine, alcuni prodotti includono assicurazioni viaggio per coprire i tipici rischi dell’esperienza e altri benefici molto interessanti, di cui parleremo più avanti.

carte credito viaggio

Ci sono aspetti negativi?

Non si tratta di svantaggi legati direttamente all’uso della carta che, ribadiamo, è la migliore soluzione per viaggiare.

Diversamente dal carte di debito e prepagate, la carta di credito è soggetta ad un canone annuo: una sorta di abbonamento da corrispondere in cambio del servizio.

Queste somme variano a seconda del tipo di carta richiesta nonché dall’istituto che la emette. In alcuni casi, come stiamo per vedere, include coperture molto interessanti per i viaggiatori.

Un altro aspetto “fastidioso” è la concessione della carta. La richiesta può essere inviata molto velocemente, in banca oppure online sui siti delle società, ma non è detto che sia accordata.

Perché sia concessa bisogna avere la “fedina finanziaria” pulita. Se risultano ritardi nei pagamenti di un mutuo o di un prestito nel registro di informazioni creditizie (CRIF), la carta non sarà concessa.

Alcune società richiedono anche un reddito minimo, al di sotto del quale non offrono il loro servizio. Questo requisito, però, si è ormai “smunto” e le soglie minime sono ormai accessibili a chiunque.

Come scegliere la carta di credito da viaggio

Sono diverse le caratteristiche da prendere in considerazione per la scelta del prodotto: dal plafond alle assicurazioni, dal circuito alle ricompense.

Assicurazione viaggio

Le assicurazioni viaggio non sono incluse con tutte le carte di credito. Solitamente sono presenti nelle versioni “premium” delle stesse (per intenderci, quelle color oro e platino, con canoni annui elevati).

Un’eccezione alla regola la fa American Express, che offre le coperture per viaggiatori anche con la sua carta verde, cioè quella base. Se la chiedi attraverso questo link, otterrai punti extra da convertire in sconti.

Non dimentichiamo che il canone annuo deve essere valutato anche sotto questo aspetto. Rinunciare a qualsiasi tipo di copertura per risparmiare dieci euro di canone non è la scelta più furba.

carta amex viaggio

Plafond

Il plafond indica il limite di spesa mensile concesso al titolare della carta. Chi ha esigenze di spesa elevata deve optare necessariamente per una soluzione con plafond adatto. Le carte base (spesso chiamate classic) hanno generalmente un limite di spesa iniziale 700 euro, che può aumentare con il tempo. Per disporre fin da subito di somme più elevate è meglio chiedere le carte gold e platinum, requisiti permettendo.

Ancora una volta American Express si distingue con un plafond variabile che si adatta automaticamente alla media di spese mensili. Inoltre, se il titolare necessita di spendere più del solito – ad esempio per prenotare un viaggio all’estero – potrà chiamare il servizio clienti per avvisare della spesa e ricevere il via libera.

Circuito

Abbiamo riportato i pregi della celebre carta di credito americana, eppure un difetto ce l’ha: il suo circuito non è tanto diffuso quanto Visa e MasterCard. I negozi di piccole dimensioni potrebbero non accettare American Express, per cui è sempre bene avere con sé una carta con uno dei suddetti marchi (anche se prepagata).

Offerte e raccolta punti

Un altro punto a favore della carta American Express. Diversamente da Visa e MasterCard, le carte di credito del circuito americano fa accumulare punti ad ogni spesa, che in seguito possono essere convertiti in sconti (magari per prenotare un altro viaggio).

AmEx propone spesso offerte speciali abbinate ai più noti marchi italiani e internazionali (es. Carrefour, Apple, MediaWorld, Zalando, ecc.) Chi fa acquisti dopo aver registrato lo sconto sull’app, si vedrà riaccreditare in pochi giorni il cashback indicato.

Con la promozione in corso si ricevono 15.000 punti da convertire in sconti. Per ottenerli devi richiedere una carta da questa pagina e spendere 1.000 euro nei primi 3 mesi di utilizzo della stessa.

amex offerte

Il suo canone mensile è di 6,50 euro, abbondantemente ripagati dai vantaggi di cui si è parlato.