Cose da sapere prima di andare in Russia: breve guida agli adempimenti e consigli pratici per visitare l’ex URSS

La Russia è patria della burocrazia, fin dalla notte dei tempi. Chi non è mai stato in questo immenso paese ma ha avuto il piacere di leggere una qualsiasi delle opere dello scrittore russo per eccellenza, Fëdor Dostoevskij, sarà familiare con il legame indissolubile tra Russia e burocrazia.

Non temete, perché oggi l’iter per ottenere le dovute autorizzazioni è meno complesso: andare in Russia è indubbiamente più semplice rispetto ai tempi dell’URSS.

Per poter mettere piede in territorio russo dovremo compilare qualche scartoffia, richiedere il visto e preparare le valigie.

Approfondiamo di seguito le cose da sapere prima di andare in Russia, cominciando dall’indispensabile burocrazia pre-partenza fino a toccare argomenti pratici come l’uso del denaro e… dell’acqua!

Richiesta del visto

La richiesta del visto per andare in Russia deve essere effettuata con largo anticipo rispetto alla partenza. Per chiedere il visto è necessario rivolgersi al Consolato della Federazione russa, in via diretta o attraverso il Centro visti per la Russia in Italia. L’iter può essere avviato solo previo appuntamento.

Per ricevere l’autorizzazione bisogna presentare un invito, che nel caso del turista sarà fornito dall’hotel o dalla struttura in cui si alloggia al momento della conferma di prenotazione.

I costi per la richiesta del visto russo variano a seconda della modalità scelta. Rivolgendosi personalmente al Consolato dovrà essere corrisposta la sola tassa consolare di 35 euro – che diventano 70 euro in caso di rilascio urgente del visto – ai quali vanno aggiunti 30 euro se ci si affida al Centro visti (comunque consigliato per la procedura semplificata).

Il Centro visti per la Russia è l’unica agenzia riconosciuta dal Consolato russo.

Registrazione all’arrivo

I viaggiatori che giungono in Russia hanno l’obbligo di registrazione entro 3 giorni dall’arrivo, la quale avverrà a cura della struttura ricettiva che ci ospita.

È necessario avere con sé tutti i documenti (inclusa carta di immigrazione e registrazione ricevute alla dogana) durante l’intera durata del viaggio. Cambiando alloggio è necessario ripetere la registrazione.

È importante fare attenzione a questi adempimenti: i controlli sono inevitabili e le autorità intransigenti.

Rublo e cambio di valuta

La valuta russa è il Rublo. Un tempo molti esercizi accettavano anche moneta estera, oggi non è più così ed è assolutamente necessario effettuare il cambio di denaro.

Se intendiamo cambiare banconote invece di prelevare denaro, assicuriamoci che queste non siano maltrattate. Alcuni uffici potrebbero rifiutarle.

Prima di andare in Russia è indispensabile conoscere l’importanza del contante, del cash. Alcuni dispositivi POS non accettano pagamenti con carta di credito; diverso è il discorso per le carte di debito, ossia quelle che addebitano istantaneamente l’importo sul conto corrente di riferimento.

Se decidiamo di portare con noi una carta prepagata, assicuriamoci che rientri nella tipologia della carta di debito. Detto ciò, in Russia non vivremo di solo cash, dunque una carta di pagamento non deve mai mancare.

Consigli sull’uso del denaro in Russia

Di seguito un elenco di consigli utili sull’uso del denaro in Russia.

  • Se ci allontaniamo dalle principali città della Russia (Mosca e San Pietroburgo) non facciamo affidamento ai traveler’s checks. Non è detto che non vengano accettati, tuttavia non possiamo avere tale certezza.
  • Gli uffici per il cambio del denaro chiederanno il passaporto. Non lasciamolo mai in hotel, deve essere sempre con noi.
  • Mai cambiare il denaro in strada da persone che corrono in nostro “aiuto” per evitare le code degli uffici di cambio. La truffa è assicurata.

Vaccinazioni

Non dimentichiamo di effettuare i vaccini per le seguenti condizioni mediche:

  • Tetano
  • Epatite A
  • Epatite B
  • Encefalite da zecche

Acqua potabile

Gli standard sanitari relativi all’acqua sono molto diversi da quelli dell’Europa o degli Stati Uniti. Indubbiamente, tra le cose da sapere prima di andare in Russia c’è la questione dell’acqua potabile e del suo uso.

È preferibile acquistare acqua in bottiglia per evitare infezioni, germi e malattie. Una piccola quantità d’acqua di rubinetto può essere consumata senza problemi; il consumo continuo e l’accumulo delle sostanze contenute in essa può però provocare malesseri.

Cerchiamo di usare l’acqua in bottiglia anche per lavare i denti.

Trasporto pubblico

Il trasporto pubblico in Russia è economico, affidabile e molto frequentato. La prima scelta nelle grandi città – come Mosca e San Pietroburgo – è la metropolitana. Oltre ad essere efficiente, le sue stazioni sono di una bellezza tale da indurre il viaggiatore a ritardare la propria corsa pur di visitarle meglio.

Anche gli autobus sono molto affollati, soprattutto nei luoghi dove non esiste un sistema di trasporto metro. Durante l’ora di punta dovremo affrontare una situazione piuttosto caotica. Si consiglia in questo caso di attendere il passaggio del mezzo successivo, a meno che non si abbia un orario da rispettare.