Consigli e dritte per risparmiare a New York e… tornare con quale penny in tasca!

Prima di prenotare un viaggio a New York occorre mettere da parte un po’ di soldi per il biglietto aereo, anche oggi è possibile trovare prezzi molto interessanti da afferrare nel periodo giusto.

Ricordiamo che il periodo di prenotazione del viaggio è importante quanto le date dello stesso.

Sommario

Alloggio
Trasporto
Cibo
Attrazioni

La Grande Mela è indubbiamente cara, ma partendo già con un’idea di come funzionano le cose nella metropoli statunitense il risparmio non sarà del tutto impossibile.

In questo articolo verdiamo come risparmiare a New York City su cibo, trasporto e attrazioni turistiche.

Non hai ancora prenotato il volo?
Controlla le offerte migliori per New York, aggiornate in tempo reale

Alloggio

È il primo aspetto a cui pensare, in concomitanza con la prenotazione del volo. Come nel caso di quest’ultimo, conta anche il periodo di soggiorno in città ma non è il solo fattore ad influenzare il prezzo.

Chi è on a budget si vede costretto a preferire un appartamento privato più che un albergo. Gli hotel costano tanto anche se situati in zone periferiche. Sia chiaro, anche gli appartamenti costano, ma con un po’ di impegno e una ricerca costante si troveranno prezzi accessibili.

Lasciamo stare Manhattan, dove il più scadente degli alloggi costerà un occhio della testa. Meglio optare per gli altri distretti, ossia Brooklyn, Queens e Bronx.

Da non sottovalutare neanche Staten Island, collegata con il ferry gratuito. Meglio però dare un’occhiata agli orari prima di prendere una decisione che va in tal senso.

Brooklyn è un buon compromesso. Vicina alla longilinea isola di Manhattan, è attualmente il distretto più ambito dagli abitanti della Grande Mela. È proprio qui che si trova il quartiere di Williamsburg, “il migliore di New York City” a detta dei suoi abitanti, dove è possibile respirare un’atmosfera più rilassata, quasi europea.

Per risparmiare a New York sull’alloggio, però, meglio valutare i quartieri attigui di Bed-Stuy e Bushwick. In queste aree prevalentemente abitate da afroamericani si respira la vera New York, lontana dall’internazionalismo che permane in gran parte di Manhattan.

Lo stile di vita è più rilassato, i vicini ti salutano e cercano di scambiare qualche parola, la gente è ben disposta ad aiutare anche i “fastidiosi” turisti. Se cercate un alloggio privato, non dimenticate di dare un’occhiata alle offerte in questa zona.

Soggiornando a Brooklyn si scopre e si vive una parte di New York che non rientra in alcun itinerario turistico, ma che forse vi stupirà più della scintillante Manhattan.

Trasporto

I taxi di New York sono celebri ma decisamente non indicati per risparmiare durante un viaggio a New York City. Con Uber il discorso è il medesimo – ma al “primo giro” negli Stati Uniti avremo a disposizione un coupon da 20 dollari.

DOWNLOAD

Noleggiare un’auto e guidare per le strade della città è come autoflagellarsi sia dal punto di vista economico sia sul piano della sanità mentale.

Per fortuna esiste la MetroCard. La MetroCard è una carta magnetica da acquistare al costo di $1 presso le apposite macchinette automatiche situate all’entrata di ogni stazione della metropolitana. La card può essere caricata – alla stessa macchinetta – con biglietti singoli, pass di 7 giorni ($32) oppure di 30 giorni ($121).

Se restate in città per una settimana, giorno in più o in meno, non esitate un secondo e ricaricate la MetroCard con il pass di 7 giorni che consente di usare senza limiti metropolitana e bus.

Chi rimane per qualche giorno in più dovrà acquistare un po’ di biglietti singoli al costo di $2.75 (con bonus del 5% quando si ricarica più $5.50), tuttavia con un po’ di organizzazione dell’itinerario e delle corse si potrà mantenere la spesa entro certi limiti. Purtroppo non esistono biglietti giornalieri, validi durante l’intera giornata.

Consulta i prezzi dei titoli di viaggio per la MetroCard sul sito ufficiale MTA.

Cibo

Gli europei che approdano nella Grande Mela hanno solitamente esperienza di viaggio all’interno del proprio continente. Parigi, ad esempio, è una tappa obbligatoria per tutti i cittadini dell’Unione. Se siete stati a Parigi, non preoccupatevi di New York.

Nel 2018 la capitale francese è seconda nella classifica delle città più care al mondo. Zurigo è terza, Oslo quinta, Copenaghen ottava. Per incontrare NYC scenderemo fino alla tredicesima posizione. In altre parole, avete già visto di peggio rispetto a prezzi e costo della vita.

Come per tutto il resto è necessaria consapevolezza, anche se i desideri del palato – soprattutto quando ci catapultiamo in una società completamente diversa dalla nostra – sono difficili da controllare.

Partiamo dal fatto che negli Stati Uniti si mangerà male, nel senso che i “piatti tipici” sono perlopiù grassi e conditi da altro grasso… a meno che non si abbia abbastanza nel portafogli per pranzare e cenare al ristorante o fare la spesa da Whole Foods.

Una possibile soluzione è quella di mangiare fuori a pranzo (del resto è inevitabile in viaggio), mentre accontentarsi di una piccola spesa per la cena da consumare nel nostro alloggio.

Hot dog, un trancio (o due) di pizza New York style, un bagel e così via. Certo non si tratta del pranzo come da noi mediterranei inteso, tuttavia si tratta di cibi che inevitabilmente mangeremo negli States. La cosa migliore è collocarli all’orario giusto così da pranzarci.

Se andiamo a prendere un hamburger, un sandwich o altri piatti che non siano strettamente street food, ricordiamoci che le porzioni sono enormi e potrebbero in alcuni casi essere sufficienti per due persone.

Katz’s Deli, paradiso del sandwich al pastrami, ne è un esempio. Ci spaventeremo di fronte al prezzo (più di 20 dollari a sandwich) per poi scoprire che ci si può mangiare in due.

La colazione non sarà un grande problema. Con poco più di un dollaro possiamo acquistare donuts, croissants e pasticceria di ogni genere. Diamo un’occhiata ai Deli che si trovano in ogni angolo della città, negozietti di alimentari dove potrete rifornirvi di caffè bollente ad un dollaro oltre che di dolci per la colazione.

Se invece siamo amanti dei cosiddetti cereali per la colazione, facciamo un giro al supermercato e perdiamoci tra gli infiniti scaffali. I supermercati sono decisamente come il vaso di Pandora.

Attrazioni turistiche

Principale attrazione turistica della Grande Mela è l’atmosfera che si respira in una grande metropoli culturalmente libera, multietnica, colorata, scintillante. Cosa vuol dire? Che in previsione del viaggio possiamo compiere due scelte:

• visitare New York camminando per le sue strade
• visitare New York pagando il biglietto d’entrata

La prima opzione non prevede particolari costi se non quelli del trasporto (ai quali non potremmo in ogni caso sottrarci). La seconda è invece una modalità più turistica che include visite a musei, terrazze dei grattacieli, Statua della Libertà e quant’altro.

Entrambe le scelte sono valide e dipendono strettamente dal nostro modo di vivere il concetto viaggio.

Musei e attrazioni turistiche viste dall’interno sono irrinunciabili per molti viaggiatori. In questo caso si consiglia vivamente di acquistare un pass turistico per non rischiare di svuotare il portafogli.

Il New York CityPASS è un’ottima scelta perché include tutti i principali luoghi di interesse:

• Empire State Building
• Museo americano di storia naturale
• Metropolitan Museum of Art
• Top of the Rock o Museo Guggenheim
• Statua della Libertà ed Ellis Island
• Museo dell’11 settembre o Sea Air and Space Museum

Il New York CityPASS ha un costo di 126 dollari ($104 per bambini e ragazzi) è può essere acquistato in sicurezza online sul sito ufficiale CityPass.

Nel caso in cui vogliate visitare più attrazioni, non esitate ad acquistare il pass che permette di risparmiare rispetto all’acquisto separato dei vari biglietti. Sebbene il costo del pass possa sembrare alto, a conti fatti è la soluzione più conveniente.

Non ci resta che fare i conti. Dove vogliamo andare? Quanto costa? Calcoliamo l’eventuale spesa totale delle attrazioni e confrontiamola con l’offerta dei pass per ottenere una risposta infallibile.

A proposito di visite alle attrazioni turistiche, non dimentichiamo di calcolare anche i tempi. L’attesa per accedervi è lunga. In un viaggio a New York di pochi giorni, non vorremmo rischiare di trascorrere tutto il tempo in attesa di entrare… invece che godersi le strade!

New York low cost. Guida anticrisi alla città più cool del mondo. Con cartina

Price: EUR 12,90

4.3 su 5 stelle (70 customer reviews)

2 used & new available from EUR 12,90